Tra Mnemosyne e Pop Art. Intervista a Roberto Baldazzini

Elisabetta Mucelli

Abstract


L’intervista si propone di analizzare la multiforme opera del fumettista Roberto Baldazzini. Autodidatta, collezionista di periodici al femminile e saggista, riconosciuto, soprattutto in ambito francese, come maestro del fumetto erotico. La fotografia è il mezzo attraverso il quale l’artista studia la realtà circostante, carpendo elementi naturali, scenografici e inquadrature inedite. Il mondo del cinema e del fotoromanzo e la grande passione per le icone femminili degli anni ’50, estratte dalle sue riviste, fanno del talento di Roberto Baldazzini emblema di quanto la “memoria sociale”, teorizzata da Aby Warburg in ambito antico e moderno, sia veicolata dai mass media nell’ambito contemporaneo. Da Stella Noris, passando per le opere pittoriche dedicate a Sophia Loren e Betty Page, protagonista del fumetto Who Killed Betty?, per poi approdare alle sue recenti mostre Creature e Hollywoodland, work in progress del suo ultimo romanzo a fumetti per la Bonelli Editore, il femminile è analizzato in tutte le sue sfumature: delicate, sensuali, fetish e divistiche. L’artista attraversa abilmente il media pubblicitario: di particolare rilevanza sono le sue campagne per TIM, Alessi, Zanotti e Axe. Altri due nodi tematici toccati in questo dialogo sono il rapporto di Baldazzini con l’arte e con i social network, visto come un terreno di condivisione del proprio immaginario. La carriera dell’artista non trascura grandi temi radicati nella sua terra, come ne L’inverno di Diego, un racconto storico a fumetti che affronta il tema della Resistenza nell’Appennino modenese.


Parole chiave


Roberto Baldazzini; Fumetti; Pop Art; Pubblicità; Arte contemporanea.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13125/medea-2426

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunica-17931

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Elisabetta Mucelli

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

ISSN 2421-5821 

Medea Journal è edito dall'Università di Cagliari - Il supporto ICT, lo sviluppo e la manutenzione di questa installazione di OJS sono forniti da UniCA Open Journals, gestito dal Sistema Bibliotecario di Ateneo.

Creative Commons License            DOAJ seal