Editorial Policies

Focus e ambito

La rivista accoglie contributi scientifici inediti in italiano, inglese, spagnolo e francese.

L'ambito culturale della rivista è quello della storia dell’arte, della conservazione, della valorizzazione e del restauro dei beni culturali. La rivista abbraccia il campo tematico della produzione artistica che va dal III-IV secolo d.C. sino alla contemporaneità. Dal punto di vista geografico l'area di elezione sarà quella mediterranea, intesa sia come spazio geografico fisico che come termine culturale di raffronto per studi che trattino di aspetti comuni ad altre aree e di rapporti di interscambio culturale e materiale.  Particolare attenzione verrà inoltre riservata agli studi che tratteranno di aspetti collegati alla museologia, al restauro dei monumenti, alle tematiche collegate alla valorizzazione dei siti culturali.  La rivista si propone di incoraggiare, negli ambiti sopra identificati, la ricerca storico artistica sull'area del Mediterraneo, con apertura anche ad altri territori, proponendosi come un contenitore di scambio e confronto non solo tra i componenti della comunità accademica degli specialisti di settore ma, superando i confini nazionali, tra le diverse comunità accademiche e la società civile. 

Si propone così di offrire occasioni di scambio e di verifica agli specialisti, ma anche di dare agli operatori culturali strumenti scientifici validi per la conoscenza del Patrimonio culturale. 

 

Politiche delle sezioni

Editoriali

Non controllato Accetta proposte Controllato Indicizzato Non controllato Peer Reviewed

Articoli

Controllato Accetta proposte Controllato Indicizzato Controllato Peer Reviewed

Recensioni

Controllato Accetta proposte Controllato Indicizzato Non controllato Peer Reviewed

Redazionali

Non controllato Accetta proposte Controllato Indicizzato Non controllato Peer Reviewed
 

Processo di Peer Review

Ogni contributo proposto per la pubblicazione è sottoposto in prima battuta alla lettura di uno dei componenti della redazione che ne verifica l'adeguatezza in relazione agli scopi della rivista e in relazione alla tematica della linea editoriale.

Se il contributo presenta i requisiti minimi di qualità viene avviato alla lettura di almeno due revisori secondo la procedura del doppio cieco.

 

Frequenza di pubblicazione

ABside è un periodico a cadenza annuale.

La call for papers annunciata nella homepage è valida per l'intero arco dell'anno (è in pratica senza scadenza). Gli articoli della rivista, divisi per sezioni attivate o meno a seconda delle submissions, saranno infatti aggiunti e pubblicati sul portale man mano che verranno presentati, accettati per la pubblicazione, impaginati, inseriti nel volume dell'anno in corso e quindi editi nella loro forma definitiva.

La chiusura del volume annuale avverrà entro il 31 dicembre di ogni anno.

 

Open Access Policy

ABside non prevede costi per la submission e la peer review degli articoli (Article Processing Charge).

Questa rivista fornisce accesso aperto ai suoi contenuti, ritenendo che rendere le ricerche disponibili liberamente al pubblico migliori lo scambio della conoscenza a livello globale.

La licenza da noi adottata permette a terzi di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire, recitare quest'opera, purché vengano citati l'autore e la rivista; la licenza di riferimento è la Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

ABside, una volta pubblicato un contributo, avrà il diritto di ripubblicarlo parzialmente o integralmente come ristampa o uscita monografica, sia in versione elettronica che in versione cartacea.

Politica dell'editore sui diritti d'autore & sul self-archiving (SHERPA/RoMEO)

 

Archiviazione

ABside partecipa a LOCKSS per creare un sistema di archiviazione distribuito tra biblioteche e permette a queste di creare archivi permanenti della rivista a scopo di conservazione. Prosegui...

 

 

 

 

Deposito legale

 

Pubblicazione gratuita (no APC ASC charges)

ABside non prevede costi per la submission (ASC) e la peer review degli articoli (APC)

 

Codice Etico

ABside è una rivista scientifica peer-reviewed che si ispira al codice etico delle pubblicazioni elaborato da COPE Committee on publicationethics: Best PracticeGuidelines for Journal Editors.
È necessario che tutte le parti coinvolte - autori, direttori, redattori e referee - conoscano e condividano i seguenti requisiti etici. Il fatto di offrire un contributo alla rivista sottintende la cessione di tutti i diritti alla stessa, e l’accettazione di quanto di seguito stabilito.

Doveri della direzione e dei redattori

Decisioni sulla pubblicazione

ABside adotta il sistema di valutazione scientifica degli articoli che le vengono sottoposti, conosciuto internazionalmente come peer-reviewing. Ogni testo è assegnato in lettura a due referee in maniera anonima (double blind peer-review). Responsabili del processo di referaggio sono la Direzione, d’intesa con il Comitato di Redazione. I referees sono identificati secondo un criterio di competenza ed elevata qualificazione in materia. Direzione e Redazione di ABside sono responsabili della decisione finale sulla pubblicazione degli articoli proposti. Tale decisione viene presa entro 90 giorni dall’invio dell’articolo da parte dell’autore.

Correttezza
Direzione e Redazione valutano gli articoli proposti per la pubblicazione in base al loro contenuto senza discriminazioni di razza, genere, orientamento sessuale, religione, origine etnica, cittadinanza, orientamento politico degli autori, né della loro appartenenza accademica.

Riservatezza e conservazione dei dati

Direzione e Redazione si impegnano a non rivelare informazioni sugli articoli proposti ad altre persone oltre all’autore, ai referee e all’editore.

La Redazione conserva in un database riservato i risultati dei processi di referaggio dei saggi, ammessi e non, alla pubblicazione.

Conflitto di interessi e trasparenza

Direttori e Redattori si impegnano a non usare in proprie ricerche i contenuti di un articolo proposto per la pubblicazione senza il consenso scritto dell’autore.

ABside sottopone alla stessa procedura di valutazione, anonima e oggettiva, i contributi presentati per la pubblicazione dai membri della redazione e dai Direttori.

Qualità

La Direzione e la Redazione verificano periodicamente il processo di revisione peer-review al fine di introdurre possibili miglioramenti. Si riservano inoltre di ricorrere a un terzo referee in caso di conflitto tra due pareri e qualora la decisione della pubblicazione o meno del saggio non possa essere risolta internamente. La collaborazione con un referee resterà definitivamente interrotta qualora non siano stati rispettati, in uno o più momenti, tempi e modi previsti dalla procedura di valutazione.


Doveri dei referee

Contributo alla decisione editoriale

La peer-review è una procedura che aiuta i redattori ad assumere decisioni sugli articoli proposti e può aiutare l’autore a migliorare il proprio contributo.

Rispetto dei tempi

Il referee che non si senta adeguato al compito proposto o che sappia di non poter svolgere la lettura nei tempi richiesti di 30 giorni è tenuto a comunicarlo tempestivamente al coordinatore di Redazione.

Riservatezza

Ogni testo, assegnato in lettura ai referee in maniera anonima deve essere considerato riservato. Pertanto, tali testi non devono essere discussi con altre persone senza esplicita autorizzazione dei redattori.

Oggettività

La peer-review deve essere condotta in modo oggettivo. Ogni giudizio personale sull’autore è inopportuno. I referee sono tenuti a motivare adeguatamente i propri giudizi secondo una scheda standardizzata fornita loro dalla Redazione.

Conflitto di interessi e divulgazione

Informazioni riservate o indicazioni ottenute durante il processo di peer-review devono essere considerate confidenziali e non possono essere usate per finalità personali. Nel caso il referee individui la paternità del saggio sottoposto alla sua valutazione ed esistano conflitti d’interesse dovuti a precedenti rapporti di collaborazione è tenuto a non accettare la valutazione, lo stesso dicasi nel caso si verificasse una situazione di concorrenza.

Qualora il referee chieda modifiche al testo quale condizione della sua pubblicazione, e la Redazione le giudichi opportune, potrà verificarne l’adozione da parte dell’autore – nella misura in cui l’autore deciderà di accettarle – prima di dare il definitivo consenso alla pubblicazione.


Doveri degli autori

Originalità e plagio

Gli autori sono tenuti a presentare all’esame per la pubblicazione contributi inediti e originali in ogni sua parte e di avere citato tutti i testi utilizzati.

Pubblicazioni multiple, ripetitive e/o concorrenti

L’autore s’impegna a non pubblicare articoli che descrivono la stessa ricerca in più di una rivista. Proporre contemporaneamente lo stesso testo a più di una rivista costituisce un comportamento eticamente non corretto.

Indicazione delle fonti

L’autore deve sempre fornire la corretta indicazione delle fonti e dei contributi menzionati nell’articolo.

Paternità dell’opera

L’autore che invia il testo alla valutazione deve garantire che tutti coloro che abbiano dato un contributo significativo all’ideazione, alla realizzazione e alla rielaborazione della ricerca alla base dell’articolo appaiano come co-autori, e che abbiano dato la loro approvazione alla versione finale dell’articolo e alla pubblicazione su ABside.

Se altre persone hanno partecipato in modo significativo ad alcune fasi della ricerca il loro contributo deve essere esplicitamente riconosciuto.

Conflitto di interessi e divulgazione

Nel presentare il proprio contributo a ABside, gli autori ammettono implicitamente che non sussistono conflitti di interessi che potrebbero aver condizionato i risultati conseguiti o le interpretazioni proposte. Gli autori devono inoltre indicare le eventuali fonti finanziarie della ricerca e/o del progetto grazie ai quali è stato possibile realizzare l’articolo.

Errori negli articoli pubblicati

Quando un autore individua in un suo articolo un errore o un’inesattezza rilevante, è tenuto a informare tempestivamente la Direzione della rivista, fornendo tutte le informazioni necessarie per segnalare le doverose correzioni.